Attività ordinaria

La Società supporta la Cappella corale che per anni ogni domenica e festa di precetto alle ore 11.00 ha animato la S. Messa nella chiesa di Montuzza.

Periodicamente viene inviato un programma musicale sacro agli indirizzi di soci e simpatizzanti con eventuali notizie riguardanti l’attività sociale e musicale-sacra in genere. Attualmente presta servizio presso la Chiesa di Santa Maria Maggiore in Trieste.

Chi desidera accostarsi al canto polifonico sacro  può contattarci per l’ammissione. All’educazione musicale sacra  impartita corrisponda sentimento di disponibilità, impegno e servizio a maggior gloria di Dio.


Dal «Commento sui salmi» di sant'Agostino, vescovo

(Sal 32, Disc. 1, 7-8; CCL 38, 253-254)

 

«Lodate il Signore con la cetra, con l'arpa a dieci corde a lui cantate. Cantate al Signore un canto nuovo!» (Sal 32, 2.3). Spogliatevi di ciò che è vecchio ormai; avete conosciuto il nuovo canto. Un uomo nuovo, un testamento nuovo, un canto nuovo. Il nuovo canto non si addice ad uomini vecchi. Non lo imparano se non gli uomini nuovi, uomini rinnovati, per mezzo della grazia, da ciò che era vecchio, uomini appartenenti ormai al nuovo testamento, che è il regno dei cieli. Tutto il nostro amore ad esso sospira e canta un canto nuovo. Elevi però un canto nuovo non con la lingua, ma con la vita.

Cantate a lui un canto nuovo, cantate a lui con arte (cfr. Sal 32, 3). Ciascuno si domanda come cantare a Dio. Devi cantare a lui, ma non in modo stonato. Non vuole che siano offese le sue orecchie. Cantate con arte, o fratelli. Quando, davanti a un buon intenditore di musica, ti si dice: canta in modo da piacergli; tu, privo di preparazione nell'arte musicale, vieni preso da trepidazione nel cantare, perché non vorresti dispiacere al musicista; infatti quello che sfugge al profano, viene notato e criticato da un intenditore dell'arte. Orbene, chi oserebbe presentarsi a cantare con arte a Dio, che sa ben giudicare il cantore, che esamina con esattezza ogni cosa e che tutto ascolta così bene? Come potresti mostrare un'abilità così perfetta nel canto, da non offendere in nulla orecchie così perfette?